• Cinema

    “Passannante”, di Sergio Colabona (2011)

    Nell’ambito della riflessione sul Risorgimento e sull’Unità d’Italia, di cui, sul piano cinematografico, il prodotto più popolare è quel “Noi credevamo” su cui mi sono già espressa tempo fa, emerge anche “Passannante”, un piccolo film diretto da Sergio Colabona che rievoca la figura di Giovanni Passannante, anarchico lucano che nel 1878 tentò di accoltellare, con un gesto plateale, il re d’Italia Umberto I. L’uomo venne poi condannato a scontare l’ergastolo nella Torre della Linguella, a Portoferraio, in una cella sotto il livello del mare, umida buia, dove si ammalò fisicamente e mentalmente. Dopo la sua morte venne decapitato in modo che gli eminenti scienziati dell’epoca potessero studiare il suo cranio…