• Cinema

    “Il sale della terra”, Wim Wenders (2014)

    Se fotografare significa scrivere con la luce, Sebastião Salgado ha scritto con la luce catturata dall’otturatore della propria macchina pagine di sofferta testimonianza sull’uomo e sul mondo. E Wim Wenders, a sua volta, ha raccontato la storia del fotografo brasiliano gestendo una narrazione a tre voci: la propria, quella di Sebastião Salgado e quella di Juliano Ribeiro Salgado, figlio del fotografo e co-regista di “The Salt of the Earth“. Non è nuovo, Wenders, a film di stampo documentaristico, trascinato dalle proprie passioni artistiche: come dimenticare “Lightning Over Water“, racconto degli ultimi giorni di vita di Nicholas Ray, o “Tokyo-ga” sulle orme del regista Ozu Yasujiro, o il celeberrimo “Buena Vista…

  • Attualità,  Cinema

    “Catastroika”

    “Io sono l’impero alla fine della decadenza”. Questo verso di Verlaine non ha fatto che tormentarmi per tutta la visione del documentario “Catastroika”. Nel 1985, quando Michail Gorbaciov fu eletto segretario del Partito Comunista dell’Unione Sovietica, lanciò una politica conosciuta come Perestroika, “Ristrutturazione”. Il politologo francese Jacques Rupnik preferì la definizione di Catastroika per indicare la fine della parabola sovietica. Dopo pochi anni, mentre la politica di privatizzazione intrapresa da Gorbaciov proseguiva in maniera ancora più massiva ad opera di Eltsin, la svendita del patrimonio pubblico e i pessimi risultati conseguiti saranno definiti nuovamente con il termine Catastroika da alcuni giornalisti del Guardian. Come è evidente, il periodo è quello…