• Cinema

    “Blue Gate Crossing”, di Yee Chin-yen (2002)

    Il cinema orientale di rado ha l’occasione di lasciarsi conoscere dagli spettatori occidentali. Salvo particolari registi che, per la loro grandezza o per la vicinanza ad un linguaggio artistico più consono al nostro, hanno reso noto il proprio nome anche da noi, si tratta di un cinema in gran parte sconosciuto, e che tuttavia riserva pellicole di grande bellezza, come “Blue Gate Crossing” di Yee Chin-yen, un film sull’adolescenza, territorio tanto esplorato dall’arte quanto ancora sostanzialmente sconosciuto. Complice un passaggio fugace a Cannes nel 2002, la pellicola è stata anche doppiata e diffusa in Italia con il titolo di “Incrocio d’amore”, rimanendo tuttavia pressoché ignota se non agli estimatori del…