• Riflessioni personali

    Primo Levi, e la responsabilità insegnata dai ragazzini

    Un paio di giorni fa un noto quotidiano nazionale ha ricordato la giovinezza di Primo Levi e la sua adesione ad una piccola banda partigiana. Centrale è un episodio in cui, giustiziati dalla banda due compagni ritenuti poco affidabili, Levi inizia ad interrogarsi sui concetti di silenzio e responsabilità di fronte ad eventi di cui non siamo direttamente colpevoli. Dovendo intrattenere un gruppo di venti marmocchi per un’ora, e volendone approfittare per parlare del Giorno della Memoria in maniera non retorica, stucchevole e lacrimevole, ho pensato di far loro leggere l’articolo. Un’ora però non è bastata per completare la lettura; la discussione sul senso di responsabilità e sullo smarrimento di…

  • Attualità,  Riflessioni personali

    Voglio cantare il fado!

    Sarà per quella simpatia che provo verso le nazioni che condividono il medesimo destino italiano di PIGS, sarà che in una delle mie vite parallele mi immagino sempre a vivere dipingendo azulejos a Lisbona, sarà anche che studiare geografia su di me ha un effetto allucinogeno, ma in questi giorni voglio vivere in Portogallo! Il nostro ex Presidente del Consiglio è tornato sulle scene e tutti giù a dargli addosso o a celebrarlo come vincitore. Mi sono persa la sua sortita e non ci tengo affatto a recuperarla; ma i riflettori sono tutti su di lui, di nuovo; ha monopolizzato l’attenzione di chi sentiva la sua mancanza, per sostenerlo o…

  • Attualità,  Riflessioni personali

    Nuovo anno, buoni propositi, pessimi auspici

    Ottimista già dal titolo, come sempre in fondo, eh? 😆 Del resto non è colpa mia se tento di risollevarmi dal mio congenito disfattismo e dopo essermi fatta il lavaggio del cervello per un’ora (abbondantemente coadiuvata da drink di vario genere – lo so, con gli antibiotici non si dovrebbe fare, ma caspita! Ho diritto anch’io a fare star zitte quelle cinque bestioline che martellano la mia testa dalla mattina alla mattina successiva!), per un’ora, dicevo, con risultati che parevano discreti,  mi son poi ritrovata a posare gli occhi su uno schermo televisivo che trasmetteva le desolanti prospettive politiche della prossima legislatura, e di seguito, con rara tenacia nel rafforzare…

  • Attualità,  Riflessioni personali

    Mondi paralleli

    In pullman tra compagni di viaggio mi chiedono se ho sentito dell’ultimo efferato delitto nostrano, e cosa ne penso. Rispondo che non ne sapevo niente. Qualcun altro mi chiede come e quando si vota alle primarie. Rispondo che non ne ho la più pallida idea. Altri ancora, discutendo della crisi, sostengono che tagliando gli stipendi dei parlamentari avremmo già abbondantemente risolto il problema del debito pubblico in Italia. Li guardo come se fossi incapace di intendere. Per inerzia apro la home del “Corriere”, trascurata da mesi, e ritrovo un vecchio antico mondo che avevo dimenticato: notizie positive sul risanamento italiano, rassicurazioni sul nostro stato di salute, qualche notizia di cronaca…

  • Attualità,  Riflessioni personali

    14 novembre 2012: l’emergenza lavoro

    Oggi 14 novembre 2012 la Confederazione Europea dei Sindacati ha indetto una giornata di mobilitazione. Si protesta contro la politica di Austerity (leggi: tagli) che l’Europa sta imponendo ai suoi Paesi. Una politica che dovrebbe eliminare gli sprechi, ma che di fatto va a colpire categorie e fasce sociali già duramente bersagliate, non razionalizza alcunché, non promuove in alcun modo l’economia. Anzi, rende ancora più precario e raro il lavoro. E se la disoccupazione aumenta, come può l’economia risollevarsi? È questa una semplice deduzione che anche un’ignorante in materia economica come me può trarre, ma evidentemente i piani alti che governano le nostre sorti hanno una visione talmente lungimirante e…

  • Riflessioni personali

    La vita e altre catastrofi

    È da diverso tempo che medito su quale sia il corretto modo per affrontare la vita nelle sue disparate forme e problematiche; che mi chiedo cosa sia giusto sopportare e cosa no, e fin dove sia giusto sopportare. Lo so, come inizio non è promettente, ed ero anche titubante se condividere con voi queste riflessioni. Vi dispenso pertanto dalla lettura e vi offro indulgente il mio perdono, qualora il tema non sia di vostro gradimento ( ). Avete presente quei film americani in cui c’è un protagonista che fa qualcosa controvoglia per tutta la pellicola, ripetendosi “Questa è la vita e ciò che mi offre, devo solo ritenermi fortunato ad…

  • Attualità,  Riflessioni personali

    I precari e la scuola: facciamo un po’ di chiarezza – seconda parte

    Qualche giorno fa ho pubblicato un post (“I precari e la scuola: facciamo un po’ di chiarezza”) in cui, tramite l’intervento di un docente precario storico, cercavo di chiarire in cosa consista il concorso nella scuola di cui tanto si parla da qualche settimana (è impressione mia o sento odore di propaganda pro-Monti-bis?). Questa volta tento di approfondire qualche altro punto necessario a chiarire meglio l’orizzonte nebuloso del precariato scolastico. E mi servo del commento di Altair al precedente post; lo riporto per intero, salvo postille finali, perché ricco di riflessioni valide e spunti interessanti per approfondire un po’ la questione. L’intervento di dantedinanni sarà la terza volta che lo…

  • Attualità,  Riflessioni personali

    I precari e la scuola: facciamo un po’ di chiarezza

    La scuola e i precari sono argomenti che periodicamente inondano le pagine dei giornali con proclami più o meno trionfalistici, dai grembiulini ai 6 in condotta alla meritocrazia agli asini che volano. Vi do un consiglio: se conoscete un insegnante precario, non andate a fargli i complimenti e le congratulazioni per l’imminente mega-concorsone promesso dal ministro Profumo. Non fatelo. Rischiate veramente, se costui ha anche solo un barlume di consapevolezza su quanto sta accadendo. Se conoscete un giovane neo-laureato che non sa dove buttarsi per cercar lavoro, e vede il nuovo TFA e il nuovo concorso manco fossero un’apparizione della Madonna di Lourdes, apritegli gli occhi e spiegategli che di…